Numeri da record per la quinta edizione di Beer Attraction, la manifestazione internazionale dedicata alle specialità birrarie, andata in scena dal 16 al 19 febbraio scorsi alla fiera di Rimini, in contemporanea con BBTech Expo, fiera professionale delle tecnologie e attrezzature per la produzione e il confezionamento di birre e bevande, Food Attraction, dedicato al foodservice e ai nuovi format di ristorazione, (con i Campionati della Cucina Italiana 2019, organizzati dalla Federazione Italiana Cuochi con il supporto di Worldchef e in collaborazione con IEG), e all’International Horeca Meeting di Italgrob, l’evento del fuoricasa di Italgrob, Federazione Italiana Distributori Horeca.

La manifestazione, organizzata da Italian Exhibition Group in collaborazione con Unionbirrai, è ormai diventata un punto di riferimento per l’intera filiera del foodservice.

L’apertura dei lavori

La quattro giorni si è aperta il 16 febbraio con la presentazione del nuovo brand 2020 “Beer&Food Attraction – The eating out experience show”. L’annuncio è stato dato dall’amministratore delegato di IEG, Ugo Ravanelli, e all’apertura ufficiale sono intervenuti l’assessore regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca Simona Caselli, il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, il presidente Unionbirrai Vittorio Ferraris, il presidente Italgrob Vincenzo Caso, il presidente FIC Rocco Pozzulo.

Oltre 32mila le presenze complessive (+ 40% sul 2018) e 600 gli espositori provenienti da 10 paesi esteri: Belgio, Germania, Spagna, Austria, Polonia, Francia, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, USA e Canada. Da segnalare la presenza, per la prima volta, della Brewers Association, che conta quasi 5.000 produttori di birra artigianale.

International Horeca Meeting e premio Birrificio dell’Anno

Nella più ampia cornice di Beer Attraction e BBTech Expo, si sono svolte due importanti iniziative. Per la prima volta la Fiera di Rimini è stata teatro dell’International Horeca Meeting, l’evento di Italgrob dedicato al fuoricasa, giunto quest’anno all’8a edizione. Un evento che vede una rinnovata collaborazione fra Italgrob e IEG e che è riuscito a riunire alla fiera di Rimini l’intero mondo dell’out of home. In occasione dell’incontro si è discussa la possibilità di definire un nuovo patto, al fine di cogliere le tante opportunità per un settore che ha ottenuto una crescita del +2,8% nel 2018 e rappresenta il 34% della spesa alimentare food&beverage italiana.

Nel pomeriggio della prima giornata della fiera, inoltre, si è tenuta la premiazione del Birrificio dell’Anno. Quest’anno a vincere il titolo è stato il birrificio marchigiano Mukkeller, che ha guadagnato la medaglia d’oro con tre delle sue produzioni.

Gli eventi della terza giornata

La giornata di lunedì 18 febbraio è stata interessata da tavole rotonde su tematiche di filiera, eventi e premiazioni. Nel corso del talk show “Eating out experience”, condotto dall’ad di IEG Ugo Ravanelli, si è parlato di come le birre e le bevande stanno cambiando il modo di vivere l’esperienza della ristorazione fuori casa. Evento di rilievo nel pomeriggio è stata l’assegnazione del Premio ‘Accademia della Birra’, organizzato dalla rivista “Il Mondo della Birra” di Tuttopress Editrice, che ha visto il direttore responsabile Silvano Rusmini nelle vesti di conduttore. Dopo un breve intervento dell’editore Fabio Santarelli, Rusmini ha spiegato: «Si tratta di un riconoscimento al locale e alle persone che ci lavorano». Grande l’entusiasmo e la partecipazione di pubblico, con l’avvicendarsi sul palco dei titolari dei vari locali, o spesso dello staff al completo, che hanno portato la loro gioiosa e chiassosa testimonianza, creando un’atmosfera di vivace convivialità. Sono stati 35 i locali selezionati in tutta Italia, di cui si è voluto premiare la passione, lo spirito imprenditoriale e la professionalità, nonché il loro ruolo decisivo nella diffusione della cultura birraria, tramite la consegna di una targa.

Accanto ai titolari sono stati premiati anche i fornitori, per sottolineare l’importanza di un rapporto che diventa elemento chiave per un ottimale svolgimento del lavoro. «Un premio – ha sottolineato Rusmini – assegnato all’eccellenza nella distribuzione». È seguita la premiazione degli ‘Ambasciatori della Birra’, che ha coinvolto 40 pub e birrerie più impostati sulla ristorazione, e l’assegnazione di alcuni Premi Speciali per attività culturali a personaggi di rilievo come il mastro birraio e scrittore Tullio Zangrando, a Maurizio Maestrelli, grande esperto di birra, giornalista e scrittore, a Silvana Giordano e Stefano Baladda, formatori e organizzatori di corsi di aggiornamento sul mondo della birra e, last but not the least, Michele Camastra, formatore ed esperto nel mondo birrario nonché scrittore.

A seguire la premiazione delle Donne della Birra da parte della Presidente dell’Associazione Elvira Ackermann, che ha assegnato il premio a 7 donne associate.

La giornata conclusiva

Nell’ultima giornata della manifestazione, martedì 19 febbraio, si sono avvicendati diversi appuntamenti, tra cui l’accordo tra ICQRF e Unionbirrai.

Momento clou della giornata è stato la seconda premiazione dei locali birrari, con l’assegnazione del titolo di ‘Accademie Storiche’, sempre da parte di Silvano Rusmini, a 33 locali dalla lunga storia e tradizione. Si tratta di locali già premiati in passato che in questi anni hanno mantenuto la loro impostazione birraria.